Ordinamento

 

 

 

 

Domanda di ammissione dello studente  DOMANDA DI AMMISSIONE DELLO STUDENTE

 

Gli adulti che vogliano rientrare nel sistema dell'istruzione e conseguire un titolo di studio possono fare richiesta di valutazione e riconoscimento dei crediti 

presentando apposita domanda di iscrizione presso la Segreteria didattica dell'istituzione scolastica che si intende frequentare.

Le iscrizioni si concludono entro il 31 maggio di ogni anno scolastico e comunque entro e non oltre il 15 ottobre dello stesso anno.

L'elenco delle domande di iscrizione ai corsi di secondo livello degli istituti di istruzione superiore in rete sono trasmessi dai rispettivi dirigenti scolastici al CPIA 2

  

Riconoscimento dei crediti

Secondo i criteri generali stabiliti per il riconoscimento e la certificazione dei crediti.

Si avvia il processo di individuazione, valutazione e riconoscimento dei crediti sulla base di un dossier che deve contenere le evidenze, i dati acquisiti con il colloquio, gli esiti delle prove.

Documentazione richiesta per il riconoscimento dei crediti formali (titoli con valutazione)

Per apprendimento formale si intende quello che si attua nel sistema di istruzione e formazione e nelle università e istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, e che si conclude con il conseguimento di un titolo di studio o di una qualifica o diploma professionale, conseguiti anche in apprendistato a norma del testo unico di cui al decreto legislativo 14 settembre 2011, n. 167, o di una certificazione riconosciuta. (art. 4, co. 52. L. 92/12)

- Titoli di studio e/o documentazione attestante anche percorsi interrotti (ad es. pagelle);

- Attestati di qualifica professionale rilasciati da Enti di FP;

- Attestato di superamento di moduli effettuati presso gli  ex CTP e gli ex Istituti Serali;

- Traduzione giurata del titolo straniero;

- Titoli stranieri corredati da dichiarazione di valore;

- ECDL;

- Certificazioni ufficiali di conoscenza della lingua italiana (PLIDA, CELI, CILS, IT);

- Certificazioni ufficiali di conoscenza delle lingue straniere (DELF, PET, Toefl, ecc.)

 

Tutor

 

Un tutor accompagnerà il candidato nella fase di predisposizione di un dossier contenente la documentazione che la Commissione utilizzerà per l'attribuzione dei crediti.

La Commissione potrà richiedere al candidato un colloquio e o l'esecuzione di prove pratiche per accertare e verificare eventuali crediti derivanti da apprendimento informale e non formale.

Il tutor è un docente esperto qualificato e appositamente formato che ha il compito di:

Accogliere e orientare il candidato;

Redigere il dossier per la ricostruzione delle competenze possedute;

Organizzare la somministrazione dei test/prove pratiche e predisporre il relativo verbale.

I tutor sono:

Docenti nominati dal Collegio Docenti dell’Istituto Scolastico di cui sono incardinati;

  

ll Nostro Istituto in rete con il 2 CPIA

 

IIS E Ferrari-Hertz, Corso serale Hertz ed altri I.I.S che operano nel II livello, per il secondo e terzo periodo didattico, fanno parte della Commissione per il Patto formativo nel 2 CPIA.

 

La commissione ha il compito di valutare le competenze e le abilità acquisite dai giovani e dagli adulti, di riconoscere e attribuire crediti, di individuare il gruppo di livello dove effettuare l’iscrizione, di ammettere gli interessati agli esami di stato quelli conclusivi del II ciclo per il secondo livello terzo periodo didattico.

 

La Commissione nella sua composizione allargata, ha il compito di predisporre misure di sistema finalizzate a: favorire gli opportuni raccordi tra i percorsi di istruzione di primo e secondo livello;

  • predisporre un efficace sistema di accoglienza e primo orientamento dei giovani e degli adulti che intendono rimettersi in un percorso d'istruzione;
  • mettere in essere azioni di orientamento in itinere e ri-orientamento alla scelta formativa per gli studenti che ne necessitano;
  • definire criteri e modalità per la gestione della carriera scolastica degli studenti disciplinando, nel rispetto della legislazione vigente, le iscrizioni, le frequenze, le certificazioni, la documentazione, la valutazione, il riconoscimento degli studi compiuti in Italia e all'estero, la valutazione dei crediti e dei debiti formativi, la partecipazione a progetti territoriali e internazionali, la realizzazione di scambi formativi internazionali;
  • considerare i fabbisogni formativi del territorio in funzione della ridefinizione o della costruzione di profili professionali e di percorsi formativi coerenti con la necessità dei contesti sociali e di lavoro

 

La Commissione valuta e riconosce crediti derivanti da apprendimenti formali, non formali e informali, ai fini dell'inserimento in un determinato gruppo di livello, per valorizzare le esperienze pregresse di cui l'adulto è portatore e per ridurre il percorso di studi utile a conseguire un titolo di studio superiore (qualifica e/o diploma).


 

Inclusione

 

La Commissione adotta ogni misura utile a garantire il diritto allo studio delle persone con disabilità

ai sensi dell'articolo 3, co. 1 e co. 3 della Legge 104/92.

 

Nella redazione del Piano di studi personalizzato si terrà conto delle certificazioni ai sensi della Legge  170/10  che riconosce il Disturbo Specifico di Apprendimento e prevede l'utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi anche in fase di valutazione conclusiva del corso.

 

Il dossier dello studente dovrà contenere ogni utile documentazione relativa ai bisogni educativi speciali per la definizione del Patto Formativo.

 

Il Patto Formativo Individuale

 

Il Patto Formativo Individuale è un atto amministrativo, reca una numerazione progressiva per ogni

IIS sul frontespizio,

è redatto su carta intestata del CPIA 4 e dell'IIS al quale l'adulto è iscritto.

 

Il Patto Formativo Individuale è firmato dal dirigente del CPIA 2 e dal dirigente dell'IIS al quale l'adulto è iscritto.

 

L'elenco dei Patti è trasmesso formalmente al CPIA 2 al termine delle operazioni di stipula da ciascun  IIS che dovrà conservarne ogni esemplare in originale agli atti dell'Istituto utilizzando progressivamente le modalità digitali di archiviazione.

 

Una copia firmata in originale è consegnata allo studente all'atto della stipula.

 

Il modello di patto formativo adottato è stato elaborato sulla base del modello realizzato nell'ambito del piano PAIDEIA.

 

 

 

NORMATIVA VIGENTE DI RIFERIMENTO

in materia di istruzione degli adulti e di apprendimento permanente:

 

  • Legge 28 giugno 2012, n.92 - Riforma del mercato del lavoro
  • DPR 263 del 29 ottobre 2012 - Regolamento
  • Raccomandazione del Consiglio dell'Unione Europea del 20 dicembre 2012 sulla convalida dell'apprendimento non formale e informale
  • Decreto legislativo 16 gennaio 2013, n. 13 - Standard minimi di servizio del sistema nazionale di certificazione delle competenze
  • Decreto Interministeriale 12 marzo 2015 - Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento
  • Intesa Conferenza Stato-Regioni del 22 gennaio 2015 - schema di decreto interministeriale per definire il quadro operativo per il riconoscimento a livello nazionale delle qualificazioni regionali e delle relative competenze
  • Decreto n 467 del 22 settembre 2015 - DG USR Lazio abbinamento CPIA con IIS

 

Le attività della Commissione anche nelle sue articolazioni funzionali sono portate a conoscenza dei

rispettivi Collegi dei docenti e dei Consiglio di Istituto degli IIS in rete con i CPIA

mettiti in contatto

Contatti Dettagliati

Via Walter Procaccini, 70 00173 Roma

contattaci

Scrivi Qui

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK